e9ad4538764361d2a74c75a7aac1181ad1724emv2

mappano@cri.it

e9ad45_ef518f8baca74dcc960f998fedcd45ad~mv2

La Nostra storia

Il 24 giugno 1859, 2° guerra di indipendenza italiana, una delle battaglie più sanguinose del 1800 si consumò sulle colline a sud del Lago di Garda, a San Martino e Solferino. Trecentomila soldati di tre eserciti (Francese, Sardo-Piemontese e Austriaco) si scontrano lasciando sul terreno circa centomila fra morti, feriti e dispersi. Castiglione delle Stiviere è il paese più vicino, 6 chilometri da Solferino, dove esisteva già un ospedale e la possibilità di accedere all'acqua, elemento fondamentale nel soccorso improvvisato ai novemila feriti che, nei primi 3 giorni, vennero appunto trasportati a Castiglione.

Lì si trovava un giovane svizzero, Jean Henry Dunant , venuto ad incontrare per i suoi affari Napoleone III. Egli si trovò coinvolto nel terribile macello, aggravato dall' "inesistenza" della sanità militare, e descrisse il tutto mirabilmente nel suo testo fondamentale: Un Souvenir de Solferino, tradotto in più di 20 lingue. Dall'orribile spettacolo nacque in H.Dunant l'idea di creare una squadra di infermieri volontari preparati la cui opera potesse dare un apporto fondamentale alla sanità militare: la Croce Rossa. Dal Convegno di Ginevra del 1863 (26-29 ottobre) nacquero le società nazionali di Croce Rossa, la quinta a formarsi fu quella italiana.Nella 1° Conferenza diplomatica di Ginevra che terminò con la firma della Prima Convenzione di Ginevra (8-22 agosto 1864) fu sancita la neutralità delle strutture e del personale sanitario.

Ferdinando Palasciano, illustre clinico italiano aveva fino dall'Aprile del 1861 sostenuto l'idea della neutralità dei feriti e la moltiplicazione senza limiti dei servizi sanitari. Il fondatore della Croce Rossa Italiana è il medico milanese Cesare Castiglioni ed il primo Comitato italiano è quello di Milano nato il 15 giugno 1864.

L'Associazione della Croce Rossa Italiana, associazione di promozione sociale, ha per scopo l'assistenza sanitaria e sociale sia in tempo di pace che in tempo di conflitto. Associazione di alto rilievo, è posta sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica. La C.R.I. fa parte del Movimento Internazionale della Croce Rossa. Nelle sue azioni a livello internazionale si coordina con il Comitato Internazionale della Croce Rossa, nei Paesi in conflitto, e con la Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa per gli altri interventi.

Il Movimento Internazionale della Croce Rossa è un'organizzazione istituzionalizzata nel 1928 dalla XIII Conferenza Internazionale dell'Aja e coordina numerosi membri: il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa e le Società Nazionali.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha sede a Ginevra, è una organizzazione neutrale e indipendente che assicura aiuto umanitario e protezione alle vittime delle guerre e delle violenze armate; nei conflitti armati il CICR è responsabile delle attività internazionali di soccorso di tutto il Movimento.

La Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa ha sede a Ginevra. Sua attività specifica è quella di agire in qualità di organo permanente di coordinamento tra le Società Nazionali e portare ad esse assistenza, soccorso alle vittime delle catastrofi, organizzando e coordinando l'azione di soccorso a livello internazionale delle Società Nazionali; inoltre si impegna a favorire la creazione e lo sviluppo di nuove Società Nazionali e a collaborare con il CICR nella diffusione del Diritto Internazionale Umanitario. Alla Federazione aderiscono 190 Società Nazionali.

Le Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa create in origine per soccorrere i soldati feriti o malati affiancando i servizi sanitari delle Forze Armate, le Società nazionali svolgono ora numerose attività sia in tempo di pace che in tempo di guerra come ausiliarie dei poteri pubblici. In base al principio di Universalità tutte le Società Nazionali hanno uguali diritti ed il dovere di aiutarsi reciprocamente. Il rapporto tra società nazionali consorelle è paritario e prioritario, pertanto qualsiasi operazione in un paese estero deve necessariamente avere l'accordo della croce rossa o mezzaluna rossa locale.

Storia di C.R.I. comitato di Mappano

19 giugno 1996

ISTITUZIONE DEL PRIMO GRUPPO DI VOLONTARI DELLA CROCE ROSSA ITALIANA A MAPPANO

Tramite provvedimento dell’allora Comitato Centrale della Croce Rossa Italiana è istituito formalmente, presso la Frazione di Mappano, il primo Gruppo di Volontari del Soccorso afferente al Sottocomitato di Leinì e costituito dai Soci Fondatori:

RANDONE Michele

BRACHET CONTUL Riccardo

MASCHIO Anna Maria

BORSELLO Paola

SARICA Giuseppe

MARTINENGO Maria

BELLINI Luigi

BUCCOMINO Franco

 

8 febbraio 1997

PRIMO CORSO FORMATIVO PER VOLONTARI ORGANIZZATO DAL GRUPPO DI MAPPANO

In questa data è stato tenuto il primo esame del corso formativo per diventare Volontari della Croce Rossa Italiana, sostenuto nella Frazione per 35 nuovi Volontari:

BARLETTA Elisabetta

BATTAGLIA Anna

BELLINI Concetta

BILLA Giovanna

BORSELLO Claudio

BRACHET CONTUL Emma

BRACHET CONTUL Ornella

CAVALLO Mauro

COSTANTINO Ylenia Maria

DAMIANO Barbara

DI LUNA Lucia

DI MAGGIO Barbara

DI MAURO Michele

DI TUCCIO Katia

DILEO Michela

ERARDI BACIC Vladimir

ESPOSITO Sonia

FRANCHINI Stefania

MAESTRELLO Simone

MARIUZZO Nadia

MEDINI Daniela

MIRABELLA Francesco

MIRIELLO Antonio

MITOLA Lucia

MUSOLINO Antonio

NIGRIS Carla

NIGRIS Mario

PARISI Davide

PIGNATA Teresina

SIDDI Sergio

SITZIA Agnese

SOLITO Nicola

TOSCO Gianluca

VACCARO Giuseppina Anna

VARSALLONA Franco

 

27 febbraio 1998

CONCESSA LA PRIMA SEDE SOCIALE

All’unanimità, il Consiglio Comunale di Caselle Torinese, sottoscrive la prima convenzione con il Gruppo di Mappano dalla quale si ottiene l’affidamento della prima Sede Sociale all’interno dei locali al piano terreno dell’attuale C.I.M.. I locali sono ora occupati dal Comando della Polizia Locale. Il Consigliere proponente della delibera fu Giovanni ISABELLA.

 

26 novembre 1998

NASCELA DELEGAZIONE DI MAPPANO E VIENE NOMINATO ILPRIMO DELEGATO

In quell’anno venne istituita, dall’allora Comitato Provinciale di Torino della Croce Rossa Italiana, tramite una Deliberazione del Consiglio Direttivo, la Delegazione di Mappano con la contestuale nominadel primo Delegato il medico della Frazione Michele RANDONE.

1 gennaio 2003

APERTURA DELLA POSTAZIONE ESTEMPORANEA IN CONVENZIONE CON IL SISTEMA 118

In quell’anno fu firmata la prima convenzione con la Regione Piemonte per l’apertura, sul territorio di Mappano,della prima postazione presidiata da un’ambulanza, sempre operativa, per garantire il soccorso sanitario urgente in convenzione con il 118 del Piemonte.

10 luglio 2003

NOMINATO ILNUOVO DELEGATO CON IL CONTESTUALE PASSAGGIO ALLA GESTIONE AMMINSTRATIVA DELCOMITATO LOCALE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

A seguito delle dimissioni del precedente Delegato, il Dott. Randone, l’allora Comitato Provinciale di Torino della Croce Rossa Italiana tramite una Deliberazione del Consiglio Direttivo, nominaun nuovo Delegato,Luigi PANCALDI Volontario non della Delegazione. Le competenza amministrative passano all’allora Comitato Locale di San Francesco al Campo, del quale Pancaldi, faceva parte.

10 novembre 2004

PASSAGGIO ALLE DIPENDENZE AMINISTRATIVE DELCOMITATO PROVINCIALE DI TORINO

A seguito della richiesta formulata dall’allora Delegato, per ragioni di vicinanza geografica, la Delegazione di Mappano passa alle dipendenze amministrative del Comitato Provinciale di Torino della Croce Rossa Italiana.

Febbraio 2006

CONSEGNA DELLA PRIMA AMBULANZA ACQUISTATA CON IL CONTRIBUTO DELLA POPOLAZIONE.

A seguito della collaborazione tra la Delegazione di Mappano e l’Associazione Mappanese AMIS, dopo l’organizzazione di una cena di beneficenza e una lotteria a premi, è stato possibile acquistare la prima ambulanza di soccorso interamente finanziata dalla realtà locale con il prezioso contributo degli allora Volontari e dei cittadini Mappanesi.

Giugno 2006

INAUGURAZIONE DELLA NUOVA SEDE DI VIA VOLTA.LA CROCE ROSSA SI SPOSTA DAL TERRITORIO DEL COMUNE DI CASELLE A QUELLO DI BORGARO T.SE. 

A seguito della volontà dell’amministrazione comunale della Città di Borgaro, di insediare un nuovo complesso urbano nelle attuali aree BOR.SET.TOdove far convergere molte realtà istituzionali, di soccorso e di sicurezza pubblica; in relazione alle sempre più crescenti esigenze dei volontari, ormai numerosi, alla Delegazione di Mappano è stata offerta una nuova sede, in locazione e di proprietà di un privato, all’interno di una datata costruzione industriale nell’attuale Via Volta 2.

6 ottobre 2007

LA DELEGAZIONE DI MAPPANO RAGGIUNGE L’AUTONOMIA AMMINISTRATIVA E DIVENTA COMITATO LOCALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

A seguito del raggiungimento dell’autonomina economica e avendo raggiunto il numero minimo di Soci Volontari previsti dalle normative allora vigenti; la Delegazione di Mappano diventa Comitato Locale della Croce Rossa Italiana senza più dipendente da altri organi Associativi.

21 settembre 2008

ELETTA LA PRIMA PRESIDENTE DONNA DELLA STORIA DEL COMITATO DI MAPPANO

A seguito di democratiche elezioni dei Soci Volontari, a tutti i livelli Associativi, il Comitato di Mappano elegge come suo Presidente la Volontaria Laura DE LEO.Attualmente iscritta alla Croce Rossa Italiana nel Comitato di Mappano.Rimasta in carica 8 anni ora non è più nel Direttivo, ma continua ad occuparsi di attività sanitarie.

Giugno 2015

INAUGURAZIONE DELLA NUOVA SEDE DEL COMITATO DI MAPPANO

Visto lo sviluppo dell’Associazione sul territorio e le sempre più incalzanti esigenze Associative, il Comitato di Mappano, trasferisce la sua sede per la terza volta. La sede di Strada Cuorgnè 51 è l’attuale sede sociale e operativa del Comitato. Sorge anche questa in un complesso industriale, ma di nuova concezione, sempre di proprietà di un privato che l’ha concessa in locazione alla Croce Rossa Italiana per i prossimi 12 anni. Il sogno di una sede a patrimonio dell’Associazione e del territorio non è ancora esaudito.

28 febbraio 2016

A seguito della riforma di privatizzazione dell’ente a tutti i livelli sono indette nuove democratiche elezioni dei Soci Volontari. Il Comitato di Mappano elegge, come suo Presidente,il VolontarioRiccardo GIULIANO, attualmente in carica.Per anni è stato innovatore e ha gestito le attività sanitarie e quelle afferenti alla Protezione Civile del Comitato di Mappano.

Attualmente

il Comitato di Mappano della Croce Rossa Italiana è in forte espansione. sempre più presente sul territorio di una comunità emergente, anche sotto il profilo istituzionale ed amministrativo.

Pronti a rispondere alle esigenze del territorio, in prima linea per supportare ed includere nella società i collettivi vulnerabili che la popolano. Si occupa quotidianamente di diffondere il primo soccorso e le manovre salvavita, oltre che i principi del movimento internazionale della croce rossa e mezzaluna rossa secondo al strategia 2020. Rispondere ad emergenze e disastri preparando comunità resilienti. Promuove attivamente lo sviluppo dei giovani  e una cultura della cittadinanza attiva.

Vogliamo "fare di più, fare meglio ed ottenere un maggiore impatto", operando in maniera trasparente nei confronti dei beneficiari e fornendo servizi affidabili, concepiti all'interno di un piano strategico basato sull'analisi dei bisogni e delle vulnerabilità della nostra comunità.

20 anni di Volontariato. 20 anni di Croce Rossa Italiana a Mappano. 20 anni di tutti noi.